Abbiamo trovato 0 risultati. Vedi i risultati
Ricerca Avanzata
abbiamo trovato 0 risultati
I tuoi risultati di ricerca

Le 2 domande base da fare al tuo Agente Immobiliare

Pubblicato da Dimora Immobiliare sopra 27 Luglio 2020
| 0

Ti sei mai chiesto quali sono le domande che devi porre ad un agente immobiliare quando stai cercando la casa dei tuoi sogni?

Quando sei alla ricerca di un immobile, fare le domande giuste è importantissimo.

Ogni informazione è utile e domandare è il modo più veloce per avere indizi importanti per capire se la compravendita che vuoi realizzare sarà una buona operazione oppure è meglio cambiare aria.

A volte il confine che separa un vero affare da una fregatura è parecchio sottile e spesso la figura dell’Agente Immobiliare è decisiva (a patto che l’Agente lavori con coscienza) per indirizzarti verso la soluzione migliore per te.

Se hai visto un immobile specifico e ti sei innamorato al primo colpo di quella casa in particolare, allora devi fare domande specifiche.

Il mio consiglio da professionista è quello di confrontarti sempre con il tuo Agente di fiducia, fornirgli i dettagli delle tue esigenze e vedere cosa può proporti come soluzione personalizzata.

Un vero Agente Immobliare fa proprio questo: ascolta i clienti e offre soluzioni personalizzate in maniera imparziale.

Non sono state poche le volte in cui ho dovuto lottare con un cliente contro i miei stessi interessi.

Da un lato lui insisteva nel fare una certa scelta ed io, nonostante avrei avuto tutto l’interesse ad accontentarlo incassando la mia commissione, gliel’ho impedito.

La mia etica professionale non mi avrebbe fatto dormire sereno, perché sapevo che non sarebbe stata la soluzione giusta per lui e con il tempo questo tipo di approccio mi ha ripagato con la fidelizzazione di centinaia di clienti soddisfatti che si fidano di me e della mia parola.

Tu hai completa fiducia del tuo Agente Immobiliare? O temi che in realtà lui pensi a curare solo i suoi interessi ed il suo profitto?

Mentre cerchi risposta a questo dubbio, ti mostro quali sono le 2 principali domande che devi porre quando entri in una nuova agenzia immobiliare della tua zona d’interesse.

1: Qual è la zona della città con il miglior rapporto qualità/prezzo per il mio budget?

Qualcuno potrebbe pensare che non è elegante parlare subito di soldi.

Negli affari e soprattutto in ambito immobiliare, la prima cosa su cui bisogna essere chiari e d’accordo fin da subito tra Agente e Cliente è il budget all’interno del quale ci si deve muovere.

È abbastanza semplice capire che se nella zona che ti piace le case con il giardino hanno una valutazione minima di 350.000 euro, se tu ne hai a disposizione 200.000 hai solo 2 opzioni.

  • aumentare il tuo budget
  • cambiare zona e rinunciare al tuo sogno di fare un BBQ con gli amici all’esterno.

Questa domanda è importante perchè un Agente che è veramente esperto del settore e che conosce il suo territorio, deve saper rispondere praticamente all’istante.

Un vero professionista saprà farti le domande giuste per capire quali caratteristiche che ricerchi in un immobile ed indicarti la zona più indicata per te.

2: È meglio comprare in centro oppure in una zona più defilata?

Anche qui la capacità di lettura dell’Agente fa la differenza nella valutazione della risposta.

Difatti il centro e periferia hanno sempre dei pro e dei contro che vanno messi sul piatto della bilancia a seconda delle singole esigenze del cliente per poter valutare quale sarà meglio per lui.

Un appartamento in centro, oltre a prezzi mediamente più alti (a parità di metratura), spesso implica grosse difficoltà nel trovare parcheggio, il rischio di maggiore confusione notturna se ci si trova in zona “in” ricche di movida.

È meno probabile che ci siano spazi esterni fruibili ed il silenzio è raro ma tra i plus dell’abitare in centro ci sono sicuramente maggiore accesso ai servizi per esempio o una buona comunicazione con i mezzi pubblici per chi fa il pendolare.

Come detto, la scelta è fatta esclusivamente in funzione delle richieste specifiche del cliente.

Un lavoratore turnista ha esigenze diverse da un professionista che esce la mattina alle 8 e torna alle 22, che è ancora differente da quella di chi magari adesso fa Smart Working a casa ed ha bisogno di tranquillità per concentrarsi.

Una famiglia con 2 bambini ed una coppietta hanno esigenze opposte ed anche l’età gioca un ruolo fondamentale.

Una coppia di anziani non potrebbe mai vivere serena in una zona di bar e locali notturni mentre potrebbe essere un plus per acquirenti giovani.

Ovviamente questa è solo la base e ci sono tantissimi altri parametri di cui tenere conto per individuare la casa perfetta per te.

Stai cercando casa? Per qualsiasi dubbio puoi contattare la sede Dimora più vicina a te per una consulenza gratuita:

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Confronta gli Immobili